giovedì 24 novembre 2011

Il primo Pane del blog!

Inutile dirlo......in questo periodo per me il blog è un diario di cui scrivo poche pagine........
Ma va bene così: in fondo la vita non è sempre uguale, ma questo rimane pur sempre il mio piccolo spazio che dedico alla cucina, alla cucina raccontata e descritta, alla cucina vissuta come esperienza condivisa, dove ogni piccola scoperta diventa un qualcosa da rivelare e narrare!


Ed è per questo che vi racconto il primo pane che posto qui sul blog.......


Io non sono una panificatrice: ho poco tempo, e quando dedico il mio tempo ad impastare, di solito lo faccio per preparare pizze e focacce.....il pane lo compro in panetteria!!
Complice però avere in cantina qualche pacchetto di farina da smaltire, e aver parlato di pane una sera a cena con degli amici, giungendo alla inevitabile conclusione che il pane, oggi, non è più quello di una volta perchè additivato di sostanze che contribuiscono a farlo lievitare in pochissino tempo e a renderlo particolarmente croccante e profumato dopo la cottura.........ma con chissà quali risvolti per la salute.....mi son detta: perchè non provare???
Così ho sbirciato in rete, ho cercato una ricetta che potesse soddisfare i nostri gusti, che fosse facile da realizzare e di cui potessi avere garanzie di riuscita........insomma: ho trovato da Paoletta questo pane al 70% di idratazione e ho pensato che fosse quello giusto per me!
E non mi ero sbagliata! Le ricette di Paoletta sono una garanzia (grazie a lei sono addirittura riuscita a riconciliarmi coi croissant dopo 5 anni dall'ultimo disastroso tentativo.....prima o poi vi posterò anche questi!!!), e poi ho potuto constatare che è proprio vero che impastare il pane rilassa.......come dice lei.........magari dopo cena al termine di una lunga giornata di lavoro!

Il risultato è stato un pane dalla crosta croccante, dentro morbido e molto bel alveolato, che si è ben conservato per un paio di giorni: di più non so......lo abbiamo finito!!! E per la cronaca......gli amici con cui avevo parlato a cena proprio di pane, hanno avuto l'onere di assaggiarlo......e non finivano più di mangiarlo!!!
Riporto qui la ricetta di Paoletta, seppur rielaborata da me con qualche piccola modifica (una su tutte, lo zucchero al posto del malto, che non avevo!).

Provate: oltre che buono, potrebbe essere un ottimo anti-stress!!



PANE AL 70% DI IDRATAZIONE

Ingredienti
• 500 gr di farina zero
• 2 cucchiaini rasi di sale
• 8 gr di lievito di birra fresco
• 330 gr d’acqua
• 1 cucchiaino di zucchero

Preparazione
Alla sera dopo cena, mettere l'acqua in una ciotola e scioglierci dentro lo zucchero e il lievito, mescolando bene. Versare la soluzione in una grossa ciotola dove si era precedentemente setacciata la farina, e iniziare ad impastare con le mani, aggiungendo il sale quando tutta l'acqua sia bene assorbita. Rovesciare quindi il tutto sulla spianatoia infarinata, e continuare a impastare per circa 8 minuti, aggiungendo costantemente poca farina perché l’impasto si presenterà molliccio e appiccicoso. Fermarsi quando l’impasto sarà diventato leggermente lucido. Formare quindi una palla e metterla nella stessa ciotola di impasto, coprirla bene con una pellicola e metterla in frigo fino al mattino dopo. Accertarsi che il frigo sia impostato al minimo, cioè la temperatura interna sia la più alta disponibile. Al mattino tirare fuori la ciotola, l'impasto si presenterà bello gonfio, e lasciarlo sempre coperto a temperatura ambiente circa 1 ora o 1 ora a mezza. Trascorso il tempo rovesciarlo sulla spianatoia leggermente infarinata, sgonfiarlo, appiattirlo un po’ con le mani e fare le pieghe a portafoglio 1 una sola volta all'intero impasto. Coprire con un panno e attendere 20 minuti circa. Dividere in parti (io ne ho fatte 5) e formare i filoncini: appiattire a rettangolo ogni pezzo, arrotolare pizzicando sotto per sigillare, quindi allungare delicatamente. Posizionare i filoncini sulla leccarda ricoperta di carta forno e lasciare lievitare per 1 ora e mezzo; appena prima di infornare fare dei tagli trasversali con una lametta, facendo molta attenzione a non affondare troppo. Infornare i primi 10 minuti a 220°, dopodichè porre i filoncini direttamente sulla griglia, abbassare a 180° e continuare la cottura per altri 20-25 minuti (controllare in base al proprio forno).
Togliere il pane quando è bello leggero e dorato in superficie e lasciarlo raffreddare bene sulla griglia fuori dal forno coperto da un telo.



E poi.......con questo post voglio anche ringraziare la mitica ReflexTribe ....... Guido, Fabio, Marco, Stella........Grazie Ragazzi!!!
Se da oggi la fotografia per me non è più una porta chiusa.......ma socchiusa, lo devo a Voi!!!!


Mara


10 commenti:

Ambra ha detto...

Ciao bella...stai bene? Questo pane è una meraviglia!!!Devo dire che anche la foto è veramente bella!!!Bravaaaa!!!Un bacio grande!

Gio ha detto...

io adoro il pane, anche se ora sono a dieta (niente pane e pasta sigh!)
ma mi annoto la ricetta, impastare mi rilassa :)
buon we

Stefania ha detto...

E' un bel pane e hai ragione il blog è come una giornata non sempre si fanno le stesse cose
ciao

sonia.namaste ha detto...

Carissima, io il pane lo devo fare per forza. E sai perchè. Proverò a fare il pane con la farina che mi hai portato. Buon fine settimana e un bacio al piccolo. baci
Sonia

Anastasia ha detto...

Ciao Maetta, che bello rileggerti! Spero che sebbene indaffarata tu stia bene! Anche io non lo faccio spessissimo il pane, per motivi di tempo, ma adoro impastare e sporcarmi tutta di farna! Mi piace anche sperimentare pani sempre diversi e l'occasione si presenta sempre quando ho gente a cena... ovviamente! Paoletta è una garanzia è vero, ma tu sei stata bravissima e questa foto è davvero stupenda! Brava brava! Ti abbraccio a presto! Any

cooksappe ha detto...

pane al pane, vino al vino!

Scarlett: ha detto...

complimenti Maetta davvero un bel pane...tu quando vuoi scrivi pure noi aspettiamo volentieri...e' bello leggere un tuo post..baci

Giovanna ha detto...

che bel pane una fetta la mangerei volentieri mi sono aggiunta se ti fa piacere passa a trovarmi

Cuoche a Casa Tua ha detto...

Ciao, rispondo alla tua richiesta, il mio contest Amarcord comprende anche la sezione finger food, se vuoi partecipare è partito oggi, magari mi aiuti e metti il banner sulla tua pagina, grazie e a presto.Giancarla

graziella ha detto...

Questo pane parla da solo. Dalla foto si può immaginare quanto sia soffice. Brava!!!