giovedì 21 aprile 2011

Di Auguri, di Cioccolato e Di Giornate Speciali.......

E siamo già a Pasqua!!!
Non trovate anche voi che il tempo scorra a una velocità decisamente superiore rispetto a quanto vorremmo??? Io almeno mi ritrovo sempre a inseguirlo, e una volta passato, mi ritrovo a voltarmi indietro perchè quasi non ho avuto modo di rendermene conto........
Urge risintonizzare l'orologio......forse sarebbe bene rallentare un po'.....e godersi le cose un po' più con calma........ma tant'è: domenica sarà Pasqua e allora..........TANTI AUGURI!!!!!!!!!!!!
Beh, ma Pasqua è per antonomasia anche tempo di uova.......quelle belle uova di cioccolato che fanno impazzire i bambini.......perchè non vedono l'ora di scartarle per scoprire com'è la sorpresa.....
Io non ho dei gran ricordi delle sorprese delle uova......sempre bruttine e al di sotto delle mie aspettative, in particolare un anno ricordo un portachiavi miserissimo composto da un anellino di metallo e un bruttissimo maialino di plastica color avorio....lungo circa 2 cm.........che delusione!!!
Ma succede che a volte il tempo che sempre rincorriamo, risarcisca delle delusioni passate........

















Così è stato per me grazie a Caffarel!!!!
Dopo la sorpresa dell'invito a partecipare all'iniziativa natalizia del 2010, in occasione di questa Pasqua la Caffarel mi ha regalato la splendida opportunità di un workshop guidato dal Maestro Pasticcere Sergio Signorini e dalla Maestra di Origami Luisa Canovi, per preparare e confezionare con le nostre manine un uovo di finissimo cioccolato Caffarel!!!




















Inutile dire con quale entusiasmo ho accettato l'invito, lusingata dal fatto che Caffarel, per opera della carissima Alessandra Pancani, abbia voluto dare un'opportunità così prestigiosa anche a blog non così conosciuti come il mio!

















L'accoglienza al Teatro7 di Milano, dove si è svolta l'iniziativa, è stata calorosa, la compagnia gradevolissima e il pomeriggio è trascorso fin troppo velocemente tra profumi inebrianti di cioccolato, costanti tentazioni di leccarsi le dita ;-) e opportunità di imparare un sacco di cose nuove!
In più, oltre ad aver scoperto Paola, Simona e Alessia, ho avuto la possibilità di incontrare personalmente Ambra, Ely e Lucia, di cui già seguivo i blog e la cosa mi ha ovviamente riempita di gioia!











Inutile dire che è stata un'esperienza emozionante, di cui conserverò sempre un dolcissimo ricordo!
E per addolcire la giornata, perchè non cominciamo facendo colazione.........con PANE e CIOCCOLATO????



Ed ecco il gruppo!!! 
















Ottavia, Alessia, Il Maestro Sergio, Ambra, Paola, Alessandra
Simona                                                                                                                 Ely
     Lucia, Io, la Maestra Luisa


Ancora grazie alla CAFFAREL per la disponibilità, la cortesia e la professionalità, e ancora TANTI AUGURI A TUTTI!

Baci MARA

lunedì 11 aprile 2011

Di periodi studenteschi e di vecchi fidanzati: Pasta alla Scarpara!

Bellissimo questo contest di Cleare!!!! Anche in questo caso ho avuto la stessa sensazione provata qui....quella di pensare di avere pronta la ricetta perfetta.........
Ma prima, un po' di storia!!! ;-)


La mia vita da studentessa si può dire sia stata relativamente agevole: ho sempre frequentato scuole vicino casa, sin dalle elementari, anche se il ritardo è sempre stato la mia specialità!
Già alle medie le amiche che abitavano nel mio stesso palazzo dovevano aspettarmi se volevamo fare il breve tratto di strada insieme, perchè io non ero mai pronta!

Gli anni del liceo, il mitico scientifico Ettore Majorana a una manciata di chilometri da casa mia, sono stati una corsa contro il tempo per riuscire a prendere l'ultimo pullman utile prima che scattasse il temuto ritardo: ricordo come ora le corse in mezzo alle aiuole spartitraffico di Corso Tazzoli, per riuscire ad entrare in classe prima della professoressa Fino! Entrare dopo di lei significava interrogazione di matematica! Immediata!

All'università le andate e i ritorni si sono rivelati per fortuna più flessibili, anche se nella mia mente restano storiche le levatacce per guadagnarsi un posto in prima fila alle affollatissime lezioni di statica e scienza delle costruzioni della prof.ssa De Cristofaro, la mia splendida relatrice di cui purtroppo posso solo conservare i ricordi....

martedì 5 aprile 2011

Io ADORO la Sardenara!!!

La food-blogosfera è costellata da tantissimi contest e raccolte: è chiaramente impossibile partecipare a tutto, sia per mancanza di tempo, sia in qualche caso per mancanza di "affinità elettive"!!! Ma ci sono delle volte in cui ti imbatti in una raccolta, in un contest, per il quale scatta un amore improvviso, che ti porta a pensare "io io...ci sono anch'io...." perchè combinazione hai lì una ricettina assolutamente perfetta per quell'occasione.....che cade veramente a fagiolo....

Il mio amore per la sardenara, la "guai a chiamarla pizza" del ponente ligure, ho già avuto modo di comunicarvelo qui. Vi avevo anche accennato alla famosa campanella del Sig. Roccia......che faceva una sardenara che era un vero mito!


Il sig. Roccia è un signore direi sulla settantina almeno,un tipo molto sui generis che fino a qualche anno fa era titolare di un bar in quel di Riva Ligure, ridente paesino vicino Sanremo!

sabato 2 aprile 2011

Dedicata a te........: Insalata Russa!

Quante volte vi è capitato di vedere nelle vetrine delle gastronomie pirofile piene di pietanze colorate, che con estrema naturalezza, be presentate, sembrano dirvi "comprami dai.....comprami, che voglio essere mangiata!"????
A me tante!!! Non so voi, ma io ADORO guardare le vetrine delle gastronomie, adoro vedere cosa propongono, come lo propongono.....e immediatamente mi accorgo di essere lì a pensare a come potrei realizzare a casa questa o quella preparazione!
E un classico delle vetrine delle gastronomie qual è???? Ma ovvio, l'insalata russa!!! Difficile che non sia lì a farvi l'occhiolino, tutta colorata e ammiccante, pronta per essere messa a cucchiaiate in una ridente vaschetta take-away!!!
Ma dico io: noi esperte (nel mio caso si fa per dire!!!) food blogger, l'insalata russa ce la vogliamo fare in casa sì o no?!

















Per quanto mi riguarda, l'insalata russa nella mia famiglia è un piatto storico: per mia mamma è sempre stata un cavallo di battaglia quando avevamo ospiti, che ha conquistato anche mio marito!

Col tempo ne ho elaborata una versione mia, assolutamente senza sottaceti (so che qualcuno li mette) e rigorosamente con tonno e uova; per le verdure trovo comodissimo il preparato surgelato: io lo prendo da Eismann, quelli che vengono a venderti i surgelati porta a porta! E' già da qualche anno che mi hanno incastrata, e così ogni 15 giorni passa l'omino e io ritiro qualche busta.....non è mai facile scegliere, sia perchè non sono certo prodotti a buon mercato, ma soprattutto perchè hanno tantissima roba lavorata, pronta solo da cuocere.....e io non sono donna da 4 salti in padella....ma qualche prodotto buono che mi soddisfa per fortuna c'è, e le verdure per insalata russa sono tra questi: volete mettere la comodità di non dover stare lì a sbucciare e preparare le varie verdure???