lunedì 20 febbraio 2017

In cucina con le frattaglie.......Trippa in Umido di casa mia!

Non ho difficoltà ad ammetterlo......a me le frattaglie piacciono! Tutte!!!
Fegato, cuore, cervella, filoni, polmone....non per niente sono tutti "pezzi" del famoso fritto misto alla piemontese, e io da Piemontese doc quale sono, non potevo certo smentirmi!!!
In casa devo dire che non sono tutti come me...mio marito non disdegna fegato e cervella, mio figlio invece proprio non le ama!!!
Non vi dico quando compro il polmone: rigorosamente solo per me, lo faccio bollire poi lo passo in padella tagliato a fette con olio o poco strutto, un pizzico di sale e.......che buono!!! Loro invece ogni volta si schifano, e pretenderebbero che andassi a mangiare ad un altro tavolo!!! 


Nel mondo delle frattaglie la trippa merita poi un capitolo a sè!!
Qui da me è famosa quella di Moncalieri, pressata a modi salame e cotta, si può gustare tagliata a fettine sottili proprio come gli affettati, semplicemente condita con un filo d'olio sale e pepe!
La trippa classica invece, può essere utilizzata per zuppe e minestre, nella più rigorosa tradizione contadina!!
Questa è la mia versione, ispirata a quella di mia mamma: in umido leggermente brodosa, perfetta per scaldare le fredde serate di questo lungo inverno!!



TRIPPA di VITELLO in UMIDO  (Preparazione in Pentola a Pressione)


Ingredienti
·         kg di trippa mista tagliata a listarelle
·        1 barattolo da 400 gr di polpa di pomodoro
·        5 patate medie
·        2 carote
·        1 cipolla oppure 1 porro
·        olio e sale q.b.
·        5 chiodi di garofano
·        Dado bimby (o normale)

Preparazione
Versare nella pentola un po’ d’olio, aggiungere la cipolla tritata e le carote sbucciate e tagliate a pezzettini e soffriggere a fuoco vivace qualche minuto. Unire la trippa ben lavata, due patate sbucciate e tagliate a tocchi grossi, e continuare la cottura per circa 5 minuti rimestando. Trascorso il tempo unire la polpa di pomodoro, i chiodi di garofano, 300 gr d’acqua, un dado sbriciolato, chiudere e cuocere 30 minuti dal fischio. Sfiatare, aprire, aggiungere le restanti patate sbucciate e tagliate a tocchetti piccoli, 150 ml d’acqua circa, richiudere e cuocere ancora 10 min dal fischio. A cottura ultimata sfiatare nuovamente, schiacciare leggermente con una forchetta le patate cotte, aggiustare di sale se occorre, mescolare bene e servire calda con una spolverata di grana grattugiato e pepe.

Buon Appetito!

4 commenti:

marycosmesi ha detto...

Complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguo!
Se ti va di ricambiare passa da me:
http://marycosmesi.blogspot.it

maetta ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
maetta ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
maetta ha detto...

Grazie Mary!